Durante il recente keynote sui profitti della società nell’ultimo trimestre Tim Cook, CEO del colosso di Cupertino, ha confermato che Apple inizierà a spedire il suo Apple Watch nel mese di aprile.

Le prestazioni della batteria leggermente deludenti (alcuni rumors ne hanno decretato la durata solo a 19 ore) potrebbero essere la causa per cui Apple ha deciso di rinviare così a lungo le spedizioni del suo smartwatch. Secondo recenti test effettuati, la batteria sarà in grado di avere un'autonomia inferiore alle 10 ore in caso di uso continuo di un'applicazione, mentre di tre giorni in caso di standby. 
Lo schermo non è sempre attivo, l'orologio di Apple infatti riconosce quando si solleva il polso e lo si porta verso il volto, e solo a questo punto attiva il display. 

È possibile scorrere attraverso le schermate sia col touchscreen che tramite una rotellina (chiamata Corona Digitale) posta nella parte laterale destra dello smartwatch e Siri è già parte integrante dello smartwatch.

C'è il supporto per le gestures personalizzabili, mentre il posizionamento GPS sarà possibile grazie al collegamento con iPhone. A tal proposito è bene ricordare che Apple Watch non si potrà connettere ad uno smartphone Android o con altri sistemi operativi: funzionerà solo con iPhone 5 e successivi.

Mentre pare sia confermato che il prezzo di partenza sarà di 350 dollari.